Le colline Unesco e l'ospitalità di Langhe Monferrato Roero protagoniste alla BIT 2016

Il Consorzio Turistico Langhe Monferrato Roero è presente anche quest'anno alla Borsa Internazionale del Turismo di Milano (Rho Fiera, 11-13 febbraio 2016), protagonista per la Regione Piemonte.

La Bit è un'importante occasione di incontro e commercializzazione fra operatori del mercato turistico ed il Consorzio è impegnato - presso uno stand che riceve ottimi riscontri in quanto a raffinatezza e stile - in incontri con tour operator provenienti da tutto il mondo, in particolare da Stati Uniti, Nord Europa, Giappone, Regno Unito, Australia, India, Austria, Svizzera e molti altri.

Molta la curiosità nei confronti dei paesaggi vitivinicoli Unesco e delle strutture turistiche di charme e di lusso, nonché verso l'eccellente ristorazione. Particolarmente interessati sono gli operatori legati a vacanze enograstronomiche, itinerari di turismo attivo, eventi, piccoli meeting, viaggi di incentivazione aziendale e matrimoni.

Sempre estremamente attraente resta il fascino del viaggio incentrato sull'enogastronomia e sulle esperienze autentiche, quali l'incontro con i piccoli produttori e il racconto delle tipicità dei luoghi, in un contesto di incantevole bellezza paesaggistica.

L'elegante stand del Consorzio Turistico è arricchito da dettagli floreali, ha per slogan “Wine&Food Authentic Experiences” e promuove il territorio riconosciuto Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco attraverso le selezionate strutture di ospitalità e ristorazione aderenti, puntando su Tartufo Bianco d'Alba, grandi vini e nocciola.

Oltre a divulgare il nuovo catalogo “Emotional Tours” con itinerari alla scoperta delle autenticità e delle emozioni che le nostre colline sanno regalare, il Consorzio offre una rosa agli operatori (specie alle signore) che accedono allo stand, chiedendo in cambio la pubblicazione sulla propria pagina social o sul proprio blog di un post che parli di noi.
Perché “A flower is a good way to start a new friendship” (un fiore è un buon modo per instaurare una nuova amicizia o collaborazione).


PRIME AVVISAGLIE DI ECCELLENZA

Verduno avrà una dotazione di oltre 300 posti letto, tutti in camere singole, per mettere in pratica tutela della privacy, appropriatezza dell'assistenza e umanizzazione delle cure. Grazie alla Fondazione, è stato installato il sistema di sollevamento in sicurezza dei pazienti in tutti i reparti (prima realtà italiana, seconda in Europa dopo l’ospedale Karolisnka in Svezia) con una spesa di oltre 650.000 euro.
La Fondazione, sta realizzando un reparto sperimentale per realizzare il prototipo della camera di degenza, che sarà visitabile dalla fine di gennaio 2016. Inoltre sono previsti una campagna per l’acquisto di letti elettrici di ultima generazione e lo studio di una masterplan per l’area esterna limitrofa all’ospedale, ubicata in buffer zone del territorio Unesco.

«Dopo i sopralluoghi al cantiere in via di conclusione – afferma il presidente Emilio Barbero - sono incrementate le donazioni dei privati che vedono e toccano con mano la realtà. La Fondazione, il cui impegno di reperimento fondi è continuo, auspica la massima cura nella scelta dei primari per migliorare e rendere Verduno una eccellenza sanitaria, sia per i medici che per i pazienti».

«Un incontro positivo che ci ha parlato di una struttura meritata dal nostro territorio – dichiara il direttore A.C.A. Giuliano Viglione -. Il nuovo ospedale favorirà l'innalzamento dell'eccellenza di Langhe e Roero, anche sotto l'aspetto sanitario».



freccia  Torna all'elenco news