Alba pedonale, confronto continuo

A.C.A. impegnata a trovare soluzioni equilibrate favorendo il dialogo tra Comune e commercio.

Un tema troppo importante per essere affrontato con i cattivi consigli della fretta, sul quale dunque l'Associazione Commercianti Albesi ritiene opportuno riflettere e, soprattutto condividere i contenuti.

Stiamo parlando della pedonalizzazione, il processo attraverso il quale l'Amministrazione comunale guidata dal sindaco Maurizio Marello intende modificare la viabilità del centro storico albese per renderlo sempre più simile a quello delle numerose città a vocazione turistica, fra le quali Alba ormai si annovera a pieno titolo.
Un processo complesso, che merita approfondimenti con tutti i soggetti coinvolti, dai residenti ai titolari delle attività economiche, e che da mesi ormai tiene banco ufficiosamente. Ufficialmente, invece, se ne discute dal 22 giugno scorso, quando il sindaco presentò agli esercenti il piano che prevede un importante avanzamento nella chiusura al traffico automobilistico dell'area centrale, insistendo in specifico sulla zona di via Calissano-Coppa e sui punti nevralgici di piazza Pertinace e di via Cavour.

IMPRESCINDIBILE UN PIANO DI MIGLIORAMENTO GENERALE
Vale, secondo l'Associazione Commercianti Albesi, la regola aurea per la quale non può esserci pedonalizzazione senza un parallelo piano di miglioramento generale dell'accessibilità, della fruibilità dei parcheggi, dell’arredo urbano e del decoro, del recupero delle zone integrate nel centro storico che attendono da anni di essere ristrutturate, di un piano per la sicurezza e un’illuminazione omogenea di tutto il centro storico, nonché la rimodulazione dei mercati e delle varie manifestazioni in modo da coinvolgere tutte le zone interessate dalla pedonalizzazione.

CONSULTAZIONI CON LE AREE INTERESSATE
Visto l'impatto sul commercio che sarebbe determinato dai nuovi varchi (si supererebbe la sperimentazione di piazza Rossetti e via Cavour, anticipando quest'ultimo all'inizio di piazza Garibaldi e inserendone uno nuovo nei pressi della chiesa di San Domenico) e dalle modifiche alla viabilità attuale che contempla la chiusura alle auto di via Pertinace, l'Associazione Commercianti Albesi ha ritenuto, nel mese di luglio di dare corso presso la propria sede a tre incontri distinti fra gli esercenti delle zone coinvolte, per raccogliere le opinioni e produrre un documento unitario esposto alla I Commissione consiliare competente in materia Urbanistica nel corso di un'audizione dedicata e tenutasi mercoledì 20 e consegnato in uno specifico incontro venerdì 22 al sindaco Marello alla presenza dei rappresentanti indicati dalle varie zone.
Il 12 luglio sono stati ascoltati i commercianti di via Coppa-via Calissano-via Mandelli-via Vida-piazza Falcone, che sollecitano la revisione generale di tutti i regolamenti comunali che attualmente impediscano o rendano difficoltosa l’estensione delle manifestazioni e degli eventi mercatali e non, in tutto il centro storico; tale revisione deve necessariamente avvenire prima dell’estensione dell’area pedonale.
Tra le proposte, l'istituzione di apposite zone di carico-scarico in corrispondenza del varco e la gratuità della sosta nei giorni feriali a partire dalle ore 18. Il 13 luglio è toccato a via Pertinacevia Gioberti-via Belli-via Dei Millevia Ravina-piazza Pertinace-via Ospedale-via Rattazzi. Diffusa in quest'area la preoccupazione di un drastico calo di vendite e sentita la proposta di limitare la pedonalizzazione ai fine settimana e dopo le ore 19, senza modifiche alla viabilità.
Il 14 luglio è stata la volta di via Cavour (da via Cerrato a piazza Garibaldi)- piazza San Francesco-piazza Garibaldi. Qui è maturata una proposta alternativa a quella del Comune, vale
a dire consentire un attraversamento di via Cavour da via Cerrato verso piazza Pertinace, mantenendo il duplice deflusso da via Macrino e via Rattazzi.
Tra le altre proposte, posizionare il varco presso l'angolo superiore di piazza San Francesco/via Cavour e rendere gratis la sosta dalle ore 17.

NO A MESSAGGI NEGATIVI
«Il fine della consultazione svolta dall'Associazione Commercianti Albesi è la volontà di amplificare la voce del mondo del commercio, che ad Alba come in altre città di medie dimensioni mantiene vivi i centri storici - afferma il direttore A.C.A. Giuliano Viglione -. La pedonalizzazione dei centri storici è considerata un atout inseparabile dal contesto delle città a vocazione turistica, ma è un provvedimento dalle pesanti implicazioni per la sua incidenza sulla frequentazione e quindi sulla vita commerciale dei medesimi. E' di importanza assoluta evitare di dare messaggi negativi (chiusura, carenza di parcheggi ecc.) capaci di dissuadere l'utenza del territorio e non solo dall'avvicinare la città e la sua parte commercialmente più vivace».


freccia  Torna all'elenco news