Home restaurants: prime iniziative di regolamentazione

La Fipe (Federazione italiana pubblici esercizi aderente a Confcommercio) ha espresso apprezzamento nei confronti del Legislatore per i provvedimenti messi in campo al fine di regolamentare il fenomeno degli home restaurants. Si tratta di una delle molte espressioni della dilagante sharing economy, che vede privati cittadini organizzare presso il proprio domicilio incontri conviviali a pagamento.

Da tempo le categorie della ristorazione regolare e “ufficiale” sono impegnate nella battaglia affinché vengano riconosciuti i medesimi doveri a tutti gli operatori della ristorazione, in merito alle normative che riguardano sia l’igiene e la sicurezza alimentare, sia l’ambito fiscale. Il testo di legge è stato già approvato alla Camera ma presenta alcune criticità dal punto di vista dei controlli, che Fipe si impegna a segnalare al Senato in procinto di esprimersi.

Il fenomeno, ove non correttamente inquadrato, comporta innumerevoli rischi sotto i profili economico, sociale e giuridico, in quanto generatore di danni alla ristorazione e ai suoi operatori nonché, potenzialmente, alla sicurezza degli avventori. Nel nostro territorio - forte di un comparto ristorativo di qualità - questa pratica è in realtà estremamente ridotta.

 

freccia  Torna all'elenco news