COVID-19 CON “RIPARTIPIEMONTE” ARRIVA IL RIMBORSO DEI COSTI DI COSTRUZIONE

Nell'ambito della legge RipartiPiemonte varata per sostenere la ripresa economica, la Regione Piemonte ha stanziato 26 milioni di euro per agevolare coloro che sul territorio regionale recuperano stabili esistenti o ne costruiscono di nuovi.

L'aiuto consiste nella copertura dei costi di costruzione dovuti al Comune, per un importo non superiore a 50.000 euro. Nel caso di recuperi il rimborso spetterà nella misura del 100%, mentre arriverà al 50% in caso di nuove edificazioni.

Come funziona il procedimento
Possono beneficiare del contributo regionale le istanze edilizie (Cila, Scia, PdC), presentate ai Comuni del Piemonte tra il 29 maggio 2020 e il 30 novembre 2020.

Le pratiche vengono gestite tramite una piattaforma informatica (in allegato, il link per accedere).

Le richieste dovranno essere presentate entro le ore 24 del 30 novembre 2020. Può essere ammessa una sola domanda per titolare di istanza edilizia.

Le domande di contributo dovranno essere caricate da professionisti abilitati per la presentazione di istanze edilizie a nome e per conto di privati e imprese e saranno ammesse secondo l’ordine cronologico di presentazione, fino ad esaurimento delle risorse disponibili.

Il privato o l’impresa al momento del deposito dell’istanza edilizia al Comune o, comunque, prima della presentazione della domanda di contributo, deve obbligatoriamente informare il Comune di volersi avvalere dell’agevolazione. Il professionista delegato inoltra richiesta di contributo esclusivamente compilando l’apposito modello su piattaforma informatica, allegando i documenti indicati.

Il Comune sede dell’intervento a conclusione dell’istruttoria/procedimento, valida i dati relativi al tipo di intervento e al titolare dell’istanza edilizia. Ad esito conclusivo positivo dell’istruttoria, la Regione Piemonte erogherà al Comune l’importo del contributo del costo di costruzione dovuto in un’unica soluzione. 

 

 


freccia  Torna all'elenco news