DECRETO “MILLEPROROGHE”: SMART WORKING SEMPLIFICATO PROROGATO AL 31 MARZO 2021

 

Oltre alla Legge di Bilancio, segnaliamo che in Gazzetta Ufficiale (n. 323 del 31 dicembre 2020) è stato pubblicato il Decreto Legge n. 183 del 31 dicembre 2020, cosiddetto “Decreto Milleproroghe”, contenente “Disposizioni urgenti in materia di termini legislativi, di realizzazione di collegamenti digitali, di esecuzione della decisione (UE, EURATOM) 2020/2053 del Consiglio, del 14 dicembre 2020, nonché in materia di recesso del Regno Unito dall’Unione europea”.

ll Decreto “Milleproroghe” dispone la proroga fino alla data di cessazione dello stato di emergenza epidemiologica da COVID-19 e comunque non oltre il 31 marzo 2021 dei termini previsti dalle disposizioni legislative indicate nell’allegato 1 del medesimo decreto. Tra le misure prorogate, segnaliamo per i datori di lavoro la procedura semplificata per effettuare le comunicazioni di smart working nonché la possibilità per i datori di lavoro privati di applicare la modalità di lavoro agile ad ogni rapporto di lavoro subordinato anche in assenza degli accordi individuali previsti dalla Legge n. 81/2017.

Il decreto “Milleproroghe” è entrato in vigore dal 31 dicembre 2020 e dovrà essere convertito in legge entro i 60 giorni successivi alla sua pubblicazione.