L’ACQUISTO AGEVOLATO DI IMMOBILI DA RISTRUTTURARE

 

Il recente “Decreto Crescita” ha introdotto un regime di tassazione agevolata consistente nell’applicazione dell’imposta di registro / ipotecaria / catastale in misura fissa (€ 200 ciascuna) ai trasferimenti immobiliari a favore di imprese che effettuano specifici interventi sugli stessi.

L’intento è quello di incentivare il rinnovo di edifici e immobili con caratteristiche energetiche e sismiche migliorative, ed è destinato alle imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare, indipendentemente dal cedente, che quindi può essere sia soggetto privato che impresa.

L’agevolazione è applicabile ai trasferimenti di interi fabbricati posti in essere dall’1.5.2019 al 31.12.2021, effettuati anche tramite contratti di permuta.

Come sopra accennato, l’agevolazione in esame consiste nell’applicazione dell’imposta di registro / ipotecaria / catastale nella misura fissa di € 200 ciascuna ai trasferimenti di interi fabbricati al ricorrere di determinate condizioni.

In particolare, è necessario che nei 10 anni successivi all’acquisto l’impresa provveda:

• alla demolizione / ricostruzione (anche con variazione volumetrica rispetto al fabbricato preesistente, ove consentita) e alla successiva cessione dell’immobile anche suddiviso in più unità immobiliari, a condizione che la cessione riguardi almeno il 75% del volume del nuovo fabbricato;

• all’esecuzione dei seguenti interventi edilizi:
- manutenzione straordinaria;
- restauro / risanamento conservativo;
- ristrutturazione edilizia;

• alla successiva cessione dell’immobile anche se suddiviso in più unità immobiliari, a condizione che la cessione riguardi almeno il 75% del volume del nuovo fabbricato.

In caso di mancato rispetto delle predette condizioni, sono applicabili:
• le imposte di registro / ipocastali nella misura ordinaria (9% - 3% - 1%);
• la sanzione pari al 30%;
• gli interessi di mora a decorrere dalla data di acquisto del fabbricato.

Per ulteriori informazioni
UFFICIO FISCALE
tel. 0173/226611
e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

freccia  Torna all'elenco news