IL MODELLO 730/2018 - Scadenze e novità

Come ogni anno, si avvicinano le scadenze relative alla dichiarazione dei redditi per lavoratori dipendenti e pensionati, c.d. Modello 730, il cui principale ed indubbio vantaggio è il pagamento delle imposte dovute o rimborso dei crediti spettanti direttamente nella busta paga o pensione del dichiarante.

La Servizi ACA srl, in collaborazione con il CAAF 50 & PIÙ, offre assistenza fiscale a tutti i lavoratori dipendenti e pensionati, provvedendo alla compilazione e invio della dichiarazione, fornendo le necessarie consulenze in merito ad agevolazioni e detrazioni spettanti, predispondendo i conteggi dei tributi IMU, TASI e cedolare secca per i proprietari di immobili.

Possono presentare il modello 730 anche i contribuenti attualmente in assenza di un sostituto d’imposta purché, nel 2017, abbiano percepito redditi di lavoro dipendente, redditi di pensione e/o alcuni redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente.

Nel Modello 730 il contribuente deve indicare i propri redditi, eventuali familiari a carico, spese ed oneri deducibili e/o detraibili ecc.

Ricordiamo che l’ INPS non spedisce più la Certificazione Unica relativa alle pensioni erogate, ma sarà possibile ottenerla attraverso il CAF direttamente con modalità telematica.

Le principali novità contenute nel modello 730/2018 redditi 2017 sono le seguenti:
• è innalzato da € 2000 a € 3000 il limite dei premi di risultato da assoggettare a tassazione agevolata. Il limite si eleva a € 4000 se l’azienda coinvolge pariteticamente i lavoratori nell’organizzazione del lavoro e se i contratti collettivi aziendali o territoriali sono stati stipulati fino al 24/04/2017;

• è riconosciuta una detrazione del 19% delle spese per la frequenza di scuole dell’infanzia, del primo ciclo d’istruzione e della scuola secondaria di secondo grado per un importo annuo non superiore a € 717,00 per alunno o studente;

• limitatamente agli anni 2017 e 2018 sono detraibili le spese sostenute per l’acquisto di alimenti a fini medici speciali, inseriti nella sezione A1 del Registro Nazionale di cui all’articolo 7 del Decreto del Ministro della sanità 8 giugno 2001, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 154 del 5 luglio 2001, con l’esclusione di quelli destinati ai lattanti;

• è prorogata la detrazione del 50% per le spese relative a interventi di recupero del patrimonio edilizio;

• è prorogata la detrazione del 50% per le spese sostenute per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ + finalizzati all’arredo dell’immobile oggetto di ristrutturazione e per un importo non superiore a euro 10.000;

• ai soggetti che hanno acquistato nel 2016 e 2017 dall’impresa costruttrice un’unità immobiliare a destinazione residenziale di classe energetica A o B, è riconosciuta una detrazione del 50% dell’IVA pagata;

• è prorogata la detrazione del 65% per le spese relative agli interventi finalizzati al risparmio energetico degli edifici.

Anche quest’anno il contribuente avrà facoltà di destinare l’otto, il cinque e il due per mille della propria Irpef a favore di Enti o confessioni religiose di propria scelta, indicandone il codice fiscale negli appositi riquadri.

Gli amministratori di condominio, qualora presentino il Modello 730, dovranno presentare anche il quadro K relativo ai fornitori del condominio, nonchè i dati catastali degli immobili oggetto di interventi di recupero sulle parti comuni.

Si segnala, infine, il termine di presentazione del modello 730 fissato a regime al 23 luglio 2018.

Gli interessati possono contattare l’Ufficio 730 presso la Segreteria Generale ACA per informazioni sul servizio offerto e per fissare l’appuntamento chiamando il numero 0173/226611 o scrivendo all’indirizzo e-mail:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

freccia  Torna all'elenco news