ACQUISTO E VENDITA macchinari nuovi e usati

L’aumento di chiusure e fallimenti di imprese dovute alla recente crisi finanziaria ha immesso nel mercato una notevole quantità di macchine ed attrezzature di lavoro “usate”.

Entrambi i soggetti, venditori ed acquirenti, devono operare nel rispetto del D.Lgs 81/08 in materia di sicurezza lavoro e delle direttive di prodotto (marcatura CE) se le macchine sono state immesse sul mercato dopo il 21 settembre 1996.
Ogni attrezzatura deve essere sempre corredata dal proprio manuale di uso e manutenzione in lingua italiana nonché della dichiarazione CE di conformità alle direttive applicabili. Il Datore di Lavoro acquirente deve accertarsi della presenza delle istruzioni per l’uso della macchina, deve pretendere la dichiarazione di conformità, è tenuto ad accettare la corrispondenza ai requisiti di legge dei macchinari utilizzati e risponde dell’infortunio occorso ad un lavoratore a causa della mancanza di tali requisiti (sentenza del 12/11/2013 della sez. IV della Cassazione Penale).

COMPRAVENDITA
Per quanto riguarda la compravendita di un macchinario usato immesso sul mercato prima del 21 settembre 1996 occorre ricordare che “chiunque venda, noleggi o conceda in uso o locazione finanziaria attrezzature di lavoro deve attestare sotto la propria responsabilità che le stesse siano conformi ai requisiti di sicurezza di cui all’allegato V del D.Lgs 81/08. La macchina deve essere dunque accompagnata da un’attestazione di conformità firmata dal cedente.
Nel caso di un macchinario che presenta elementi non conformi e per il quale non è possibile produrre una dichiarazione di conformità veritiera, le possibilità sono la rottamazione presso imprese autorizzate o la vendita a ricondizionatori professionisti e quindi autorizzati ad operare senza dichiarazione di conformità.

IN CASO DI FALLIMENTO
Una situazione particolare è rappresentata dalla cessione di macchinari o affitto di azienda da parte dei curatori fallimentari. Anche in questo caso i macchinari devono essere accompagnati da una attestazione di conformità sotto la responsabilità del curatore fallimentare la cui posizione è assimilabile a quella di un comune venditore e quindi soggette alle prescrizioni del D.Lgs. 81/08.

 

freccia  Torna all'elenco news