prodotti da costruzione: nuove regole e sanzioni

È stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale una nuova normativa inerente i prodotti da costruzione, in vigore dal 9 agosto 2017.

Il provvedimento fissa condizioni armonizzate per la commercializzazione dei prodotti da costruzione nell’ambito dell’Unione Europea.

Il Decreto prevede che il progettista, otre al fabbricante, ha l’obbligo di impiego di prodotti da costruzione conformi alla nuova regolamentazione. In caso di violazione potranno essere applicate sanzioni amministrative pecuniarie da 2.000 euro a 12.000 euro. Qualora la violazione riguardi prodotti e materiali destinati a uso strutturale o a uso antincendio, è previsto l’arresto sino a 3 mesi e l’ammenda da 5.000 a 25.000 euro.

Il Decreto disciplina inoltre gli adempimenti ai quali è sottoposto il fabbricante che dovrà redigere una dichiarazione di prestazione del prodotto e in caso di violazione di tale obbligo sarà punito con una sanzione da 4.000 euro a 24.000 euro che potrebbe arrivare all’arresto sino a sei mesi e con l’ammenda da 10.000 a 50.000 euro in caso di materiali destinati a uso strutturale o a uso antincendio.

Il costruttore, il direttore dei lavori, il direttore dell’esecuzione o il collaudatore che utilizzano prodotti non conformi sono punibili con un’ammenda tra i 4.000 e i 24.000 euro; con l’arresto fino a 6 mesi e con ammenda da 10.000 a 50.000 euro se si tratta di prodotti e materiali destinati ad uso strutturale o ad uso antincendio.

Sono previste sanzioni anche per i commercianti che non ottemperano al ritiro dei prodotti non conformi dal mercato e per chiunque violi gli obblighi di certificazione attestando fatti non rispondenti al vero.

Per informazioni tel. 0173/22661
e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

freccia  Torna all'elenco news