Buoni pasto, le novità

Il 9 settembre entra in vigore il Decreto 122/2017 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 10 agosto scorso che è intervenuto in merito alla disciplina dei buoni pasto sostitutivi del servizio mensa.

Premesso che possono utilizzare i buoni pasto sia i lavoratori subordinati (con contratto full time o part time) sia i collaboratori con contratto diverso dalla subordinazione, il Ministero ha precisato che:
• I buoni pasto non sono cedibili, né commercializzabili o convertibili in denaro e sono utilizzabili solo dal titolare per l’intero valore facciale;
• Il nuovo decreto ha precisato che sono cumulabili nel limite massimo di 8 buoni giornalieri.

Nulla è invece variato per il valore nominale degli stessi che rimane di euro 5,29 per quelli cartacei ed euro 7,00 per quelli elettronici.
Ricordiamo che i buoni pasto non rientrano nella base imponibile previdenziale e fiscale.

Per ulteriori informazioni, tel. 0173/226611
e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

freccia  Torna all'elenco news