LA ROTTAMAZIONE DELLE CARTELLE ESATTORIALI

L’art. 6 del D. L. n. 193 del 22 ottobre 2016 ha previsto la definizione agevolata (cosiddetta rottamazione) della maggioranza delle cartelle esattoriali affidate agli agenti della riscossione negli anni dal 2000 al 2015 (si citano a titolo indicativo e non esaustivo cartelle esattoriali relative a mancati versamenti di debiti di natura previdenziale, IVA, IRPEF, ecc.).

Aderendo alla definizione agevolata entro il prossimo 23 gennaio 2017, i debitori potranno estinguere il debito senza corrispondere le sanzioni e le maggiori somme aggiuntive previste dalla vigente legislazione provvedendo al pagamento entro il limite massimo di quattro rate sulle quali sono dovuti esclusivamente gli interessi di mora.
Aderendo alla definizione agevolata verranno sospesi i termini di prescrizione e decadenza per il recupero delle somme oggetto della definizione stessa. L’agente incaricato alla riscossione non potrà inoltre avviare nuove azioni esecutive o iscrivere nuovi fermi amministrativi e ipoteche e, generalmente, non potrà proseguire le procedure di recupero coattivo precedentemente avviate relativamente alle somme inerenti la pratica di definizione agevolata.
Sarà l’agente incaricato alla riscossione a comunicare al debitore, entro 180 giorni dalla data di entrata in vigore del decreto (24 ottobre 2016) l’ammontare complessivo della somma dovuta, quello delle singole rate, il numero delle rate e la scadenza delle stesse. In ogni caso le prime due rate sono ciascuna pari ad un terzo dell’importo complessivamente dovuto, mentre la terza e la quarta rata sono pari ad un sesto delle somme dovute. La scadenza della terza rata non potrà superare il 15 dicembre 2017 e la scadenza della quarta rata non potrà superare il 15 marzo 2018.
Attenzione: in caso di mancato, insufficiente o tardivo versamento anche di una sola delle quattro rate la definizione agevolata non produrrà più alcun effetto e riprenderanno a decorrere i termini di prescrizione e decadenza per il recupero dei debiti verso l’amministrazione statale.

sintesi cartelle

 

freccia  Torna all'elenco news