IL TRATTAMENTO DI FINE MANDATO AGLI AMMINISTRATORI

Il trattamento di fine mandato o Indennità di Cessazione di carica è un importo che può essere erogato agli amministratori di società all’atto della cessazione del rapporto.

A differenza del TFR per i lavoratori dipendenti, il Trattamento di fine mandato non è disciplinato da alcuna normativa ed è quindi regolato esclusivamente dalla libera contrattazione tra le parti.
Dal punto di vista previdenziale l’indennità di fine mandato è sempre soggetta a contribuzione in base alle vigenti aliquote INPS relative alla gestione separata.
Dal punto di vista fiscale il Trattamento di Fine Mandato può essere soggetto a tassazione separata purché l’importo dello stesso sia stabilito da atto scritto avente data certa anteriore all’inizio effettivo del mandato e l’importo dello stesso sia inferiore ad Euro1.000.000 (un milione).
Come chiarito dal Ministero della Giustizia, in attesa del rilascio del certificato del casellario che va comunque richiesto - acquisito il consenso dell'interessato - prima dell'impiego al lavoro è comunque possibile impiegare il lavoratore sulla base di una dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà da esibire eventualmente agli organi di vigilanza.

Il datore di lavoro che non adempie all’obbligo di richiesta del certificato di cui sopra è soggetto alla sanzione amministrativa di una somma compresa tra euro 10.000,00 ed euro 15.000,00.

 

freccia  Torna all'elenco news